Guide

Anita Constantini

Terra! Sotto i miei piedi, terra! Vita dalle innumerevoli forme sempre mi meravigli e d’incanto mi nutri. Radici mie care, mi guidate con fiducia e in orizzonti ampi mi portate da sempre. La sfida di unire i puntini, vicini o lontani che sembrino, come stelle nel cielo, tracciando una sintesi armoniosa per leggerne una nuova forma - costellazione pregna. Inizio.

Di madre partenopea, padre ampezzano, dolomiti incantate, mediterraneo amato. Da Trastevere a Madras, all’inizio della prima elementare. Ho vissuto la più bella India delle meraviglie tra teosofi, yogi, Krishnamurti, Desikachar. Dopo due anni arriviamo in una composta Firenze. La scuola Internazionale, mi è un nido sereno dove metabolizzare i cambiamenti e crescere sull’onda globale dove il mondo diventa piccolo e al tempo stesso vario e bello e tutto è possibile.

Mi manifesto attraverso la scultura: argilla e marmo di Carrara sono miei alleati. Li ritrovo più avanti e a loro dedico tanto tempo. Studio psicologia dell’età evolutiva a Sussex University in Inghilterra. Inizio allora, a 20 anni, il percorso di guida ambientale escursionistica come lavoro estivo, camminando con bambini nelle Dolomiti di Cortina con uno spirito esplorativo di se stessi e della montagna. 

A Londra incontro per la prima volta Thich Nhat Hanh e la sua allora piccola comunità monastica. È l’inizio di una lunga storia, che continua a ispirare e sostenere i miei passi.

Dopo la laurea nel ’94, ritorno nella mia India per proseguire gli studi di psicologia, che qui tra yoga e ayurveda è una plurimillenaria scienza della salute.

La passione per il viaggiare, la natura e il mio amore per l’Italia mi porta a collaborare con una compagnia di cammini americana. Nel 2005, unendo i fili della mia vita, propongo e realizzo insieme a due monache della comunità monastica di Thich Nhat Hanh il primo “ritiro in cammino” proprio nelle Dolomiti. Ambientare un ritiro di consapevolezza in un contesto naturale potente (la sala di meditazione erano i boschi, il ritmo della montagna diventava il nostro ritmo) è un’esperienza nuova anche per loro e al tempo stesso un ritorno al passato. Il Buddha amava camminare e con i suoi discepoli viaggiava e insegnava continuamente in movimento su i suoi piedi scalzi.

Con il mio primo figlio nasce nel 2008 il Campo di Felicità - natura, arte e gioco in consapevolezza - un ritiro annuale per bambini e genitori insieme all’Eremo di Camaldoli, nelle Sacre Foreste Casentinesi.

Negli ultimi quattro anni il fertile seme del ritiro in cammino è cresciuto con me.

Offro così oggi la mia esperienza e il mio entusiasmo ai Cammini di Pace.

www.tuscanwise.com
www.esserepace.org