I nostri viaggi

12 posti

Novità

Reset password

Orsigna a piedi liberi

Un viaggio insolito per riscoprire l’intelligenza dei nostri piedi che Leonardo Da Vinci definisce “un capolavoro di ingegneria e un’opera d’arte”. In questo cammino-laboratorio, proprio i piedi sono al centro della nostra attenzione: lasciamo che siano loro a guidarci e a narrarci ciò che “vedono”. Ogni passo è pieno di presenza, tutto diventa più reale, regalandoci una miriade di sensazioni.

Avanziamo con scarpe o sandali minimalisti che pur offrendo un’essenziale protezione alla pianta del piede, permettono maggior articolazione e movimento. Ciascuno potrà scegliere quando e quanto camminare scalzo, secondo la natura del terreno, ascoltando il corpo con il solo scopo di sentirsi libero e a proprio agio. Sperimentiamo così con stupore come cambia la visione-relazione con il territorio. Il passo diventa più leggero, più gentile verso tutto il corpo. Pian piano scopriamo che il suolo ha il potere di lenire, purificare, guarire. Possiamo poi far tesoro di questa esperienza nella nostra vita quotidiana, ognuno a suo modo, per ritornare con i piedi a casa sulla Terra e averne cura.

Così esploriamo i boschi dell’Appennino tosco emiliano intorno a Orsigna, luoghi cari allo scrittore e viaggiatore Tiziano Terzani che, come racconta in La fine è il mio inizio, “in questo abbraccio della natura allo stato puro” era a casa.
Con i piedi che vedono, nel silenzio e nella concentrazione, arriviamo “all’albero con gli occhi”: un ciliegio divenuto meta di pellegrinaggio, con il quale Terzani ci ricorda che “Dio è ovunque” e che tutto è vita.
Percorriamo antichi sentieri nelle faggete che ci portano sul crinale calvo dell’Uccelliera.
Intrecciamo i nostri passi anche con l’esperienza di Folco Terzani, come suo padre affascinato da questa natura, e che qui ama correre a piedi nudi.
Dormiamo in un piccolo albergo di montagna e la sera torniamo “a casa”, per farci coccolare dalla buona cucina casalinga dove il tempo sembra essersi fermato.

Cammini di Pace

I Cammini di Pace sono una proposta per viaggiatori che vogliono percorrere sentieri non solo esteriori ma anche interni. Sono viaggi, ciascuno con la sua diversa particolarità, in cui il camminare diventa strumento privilegiato per incontrare gli altri, la Natura, e se stessi. Sono momenti in cui, con il sostegno della guida e del gruppo, ciascuno è invitato a prendersi cura di sé attraverso la strada, le pratiche e gli spunti proposti. Per saperne di più, potete visitare il sito www.camminidipace.it.

Programma

Giovedì 21

Ritrovo ad Orsigna

Venerdì 22

Orsigna – Carbonaio. 5 ore, 9 km, 400 m in salita, 400 m in discesa

Sabato 23

Orsigna – Uccelliera. 6 ore, 12 km, 600 m in salita, 600 m in discesa

Domenica 24

Orsigna – Albero con gli occhi. 3 ore, 5 km, 250 m in salita, 250 m in discesa

NB: il programma è indicativo e può subire variazioni a discrezione della guida, sempre nello spirito di esplorare la valle e i monti di Orsigna.

Altre informazioni utili

Ritrovo: giovedì 21 maggio ore 16 ad Orsigna
Rientro: domenica 24 ore 14
Come arrivare al luogo di ritrovo: si arriva in auto o con il treno per Pracchia (sulla linea Porretta Terme – Pistoia), e da qui in pochi minuti d’auto o bus si sale a Orsigna.

Notti: in albergo di montagna in stanze doppie / triple / quadruple con bagno in camera o condiviso

Cosa portare: scarpe o sandali minimalisti da trekking o scarpe abitualmente usate per il trekking e ben collaudate, abbigliamento comodo per camminare, si consiglia lana merinos per calze e magliette, zaino piccolo ed ergonomico. Alla richiesta di perfezionamento della prenotazione, riceverete l’elenco delle cose da mettere nello zaino.

Alimentazione: chi è vegetariano/vegano o chi ha particolari necessità alimentari lo comunichi per tempo, cioè al momento dell’iscrizione.

Iscrizioni: dopo la conferma telefonica per verificare la disponibilità di posti, inviare 180 euro (+ 20 euro se non avete la tessera per il 2020).

Pagamento: tramite c/c bancario Banca Etica, IBAN: IT18Y0501812101000000135454, intestato a Compagnia dei Cammini, specificando nella causale del bonifico Nome Cognome – 43 Orsigna a piedi liberi. Se richiesto dalla segreteria sarà necessario consegnare alla guida la ricevuta di pagamento delle quote.

I nostri gruppi hanno mediamente una composizione tra gli 8 e i 15 partecipanti. I viaggi di Velatrek invece tra i 6 e gli 8 mediamente. La partenza del viaggio sarà confermata al raggiungimento di un numero minimo di partecipanti.

Assicurazioni e condizioni: leggi più informazioni sulle polizze assicurative e le condizioni viaggio.

Consigliamo di lasciare a casa il telefono cellulare. Offriamo ai partecipanti ai viaggi il lusso di essere irreperibili per alcuni giorni. Nella nostra quotidianità infatti è impossibile esserlo, e il viaggio invece ci può regalare un momento solo per noi, nel nostro qui e ora. Se avete la necessità di avere il telefono cellulare con voi sappiate che però durante i Cammini della Compagnia si può tenerlo acceso solo alla sera dopo ogni tappa e al mattino prima di partire. Mai durante il cammino, comprese le soste. Se volete lasciare a casa il telefono, sempre incontreremo quelli pubblici e quello della guida sarà a vostra disposizione in casi di emergenza. Il Cammino è un cammino di gruppo e del qui e ora, il cellulare, l’I-pod e oggetti simili non permettono di godere a pieno dell’esperienza di cammino che come Compagnia dei Cammini proponiamo.

Consigliamo ai camminatori la lettura del libro L’arte del camminare di Luca Gianotti (Ediciclo 2011), che contiene tanti utili suggerimenti sia pratici che psicologici per affrontare preparati i nostri cammini. E consigliamo anche la lettura del libro Alzati e cammina di Luigi Nacci (Ediciclo 2014) per trovare la motivazione interiore a mettersi in cammino.